Mesothelioma International
 

Pagina iniziale

Mesotelioma
Cos'è il mesotelioma
Sintomi e diagnosi
Stadi del mesotelioma

Mesotelioma
Terapia

• Intervento chirurgico
• Chemioterapia
• Radioterapia
• Studi clinici
• Cure palliative

Mesotelioma
Specialisti


Centri di terapia

Novità  sul mesotelioma



 

 

 

Il mesotelioma e i suoi rapporti con l’esposizione all’amianto

Cos'è il mesotelioma?

Il mesotelioma maligno è una forma rara di cancro che ha origine nel mesotelio, la membrana che riveste e protegge la maggior parte degli organi interni del corpo. Il mesotelio è costituito da due strati, uno che circonda l'organo stesso, e l'altro che forma un rivestimento a sacco interno ad esso. Tra questi due strati si produce normalmente una piccola quantità di liquido, per lubrificare i movimenti degli organi protetti. Quando le normali cellule del mesotelio vanno fuori controllo e si moltiplicano rapidamente, si parla di mesotelioma. La forma più comune di mesotelioma è il mesotelioma “pleurico”, che si genera nel rivestimento dei polmoni. Altre forme sono il mesotelioma “peritoneale”, che riguarda il rivestimento della cavità addominale, e il mesotelioma “pericardiaco”, che riguarda il rivestimento del cuore.

Cosa provoca il mesotelioma?

Il mesotelioma è quasi sempre provocao dall'esposizione alla fibra di amianto. Molte persone vi sono state esposte nella vita militare; altre a causa del loro lavoro; altri ancora, secondariamente, attraverso il contatto con gli operai esposti. A causa della sua latenza, il cancro potrebbe non manifestarsi per 20-50 anni, e oltre, dopo l'esposizione.

Quanto è comune il mesotelioma?

Secondo le informazioni dell'Istituto finlandese per la salute sul luogo di lavoro, Helsinki, Finlandia, si prevede che l'incidenza del mesotelioma nell'Europa occidentale raggiungerà il picco tra il 2010 e il 2020. Di seguito vengono fornite le statistiche sull'incidenza, attualmente disponibili, paese per paese.

Paese
Casi all'anno
Casi per milione all'anno
Finlandia
75 (2002)
18
Francia
870 (2000)
18
Germania
1094 (2001)
16
Gran Bretagna
1862 (2002)
39
Italia
1050 (2000)
21
Olanda
389 (2000)
30
Norvegia
57 (2000)
16
Svezia
149 (2003)
20

Chi è a rischio di sviluppare il mesotelioma?

Coloro che hanno lavorato a diretto contatto con l'amianto o con i suoi prodotti sono portatori del rischio maggiore di sviluppo del mesotelioma, tuttavia, il mesotelioma è stato riscontrato in alcuni individui la cui esposizione era minima.

Tra le attività ad alto rischio di sviluppo del mesotelioma vi sono:

  • Operai delle piastre metalliche (inclusa la costruzione di navi)
  • Costruttori di veicoli (inclusi i veicoli su rotaia)
  • Idraulici
  • Installatori di impianti a gas
  • Falegnami
  • Elettricisti
  • Operai del settore edile
  • Intonacatore
  • Costruttori
  • Operai tuttofare
  • Montatori di acciaio
  • Imbianchini
  • Operai delle lamiere sottili
  • Saldatori

Quali tipi di prodotti contenevano generalmente amianto?

I seguenti prodotti contenevano generalmente amianto in diverse concentrazioni. Questo elenco non è completo ed è stato concepito solo come riferimento generale.

  • Rivestimenti sagomati o preformati, utilizzati per l'isolamento termico dei tubi e delle caldaie
  • Amianto in spray utilizzato come protezione antincendio nelle condutture, nei margini parafuoco, nei pannelli, nei tramezzi, negli assi del solaio, nei pannelli del soffitto e intorno a strutture in acciaio
  • Assi isolanti utilizzati per le protezioni antincendio, l'isolamento termico, i tramezzi e le condutture
  • I rivestimenti di amianto utilizzati nei margini parafuoco e nelle intercapedini del soffitto
  • Cartone doppio pressato, carta e prodotti della carta utilizzati per l'isolamento delle apparecchiature elettriche; la carta di amianto può essere utilizzata anche come rivestimento ignifugo sui pannelli di fibra di legno
  • I prodotti del cemento di amianto, in fogli sia piatti che ondulati, utilizzati per le coperture o il rivestimento delle pareti; i prodotti del cemento erano inoltre utilizzati nelle grondaie, nei pluviali e nei serbatoi d'acqua
  • Rivestimenti strutturati (come l'Artex)
  • Materiale di copertura a base di bitume
  • Piastrelle in vinile o termoplastiche

 

 

 

 
 

Il contenuto di questo sito Web è solo informativo e non deve essere considerato come consiglio medico. Si raccomanda sempre di consultare il proprio medico.